SOCIALISMO XXI 4.0

di Felice Besostri |

Da Genova 1892 a Rimini 2019 andata e ritorno: prossime destinazioni Erfurt 1891 e Epinay 1971

Parafrasando il famoso detto sulla guerra e i generali di Jean Jaurès, il grande socialista tolosano, il socialismo è una cosa troppo seria per lasciarla nelle mani di dirigenti di un Partito, fossero anche i migliori e più preparati. Una tale concezione è il frutto dell’idea, che il proletariato per conquistare il potere e adempiere, quindi, alla sua missione storica avesse bisogno di una guida cosciente, di un’avanguardia organizzata di rivoluzionari di professione.

Questa concezione dovrebbe essere stata seppellita, per tutti, sotto le macerie provocate dal crollo del Muro di Berlino, il cui trentesimo anniversario dell’apertura si celebrerà il prossimo 9 novembre: una data simbolica della successiva formale dissoluzione dell’URSS del 25 dicembre 1991. Una cultura mitica-libresca di una parte della sinistra “aveva diffuso per anni la convinzione che l’URSS fosse un paese guida così come il partito che ne costituiva l’ossatura politica. La sua caduta non solo mostrò le ragioni strutturali dell’economia del paese, le insostenibili spese militari, ma anche uno stile autoritario e violento del potere centralizzato e poliziesco opposto ai desideri di identità della popolazione. L’insostenibilità economica e l’oppressione sociale costituivano unità insopportabile come forma di vita. (Fulvio Papi 9 gennaio 2019). Paradossale per le sorti della sinistra europea la sconfitta del comunismo sovietico non significò, nel periodo che ci separa da quegli eventi, la vittoria della sua alternativa socialista democratica.

Una serie impressionante di sconfitte elettorali, per non parlar d’altro per carità di partito, ha fatto scomparire i partiti socialisti del PSE, che nel 1999 erano alla testa di 13 governi della UE a 15, dal panorama politico d’Italia, Grecia, Paesi Bassi, Polonia, Ungheria e Francia e a non essere più il partito aspirante all’egemonia o a capeggiare un’alternativa di sinistra in Danimarca, Austria e Germania. La scomparsa del blocco comunista e la crescente concorrenza cinese ed indiana e di altri paesi con la mano d’opera qualificata e a basso costo ha convinto il sistema capitalista, che non era più il caso di tener buoni i lavoratori dei paesi sviluppati con le politiche sociali, i benefici salariali della contrattazione collettiva sindacale ed il welfare state, tanto più che i loro partiti al governo e i sindacati avevano rinunciato all’idea stessa che un altro sistema economico e sociale, un nuovo ordine mondiale fosse non solo possibile, ma persino desiderabile: al massimo poteva essere lo slogan per alcuni anni di un esotico Forum Sociale Mondiale in qualche paese latino-americano: una vittoria già nel nome di una visione euro-coloniale e imperial-occidentale del mondo, che esclude da quel continente la componente india e africana.

Crescono le diseguaglianze tra le diverse aree del mondo e all’interno dei singoli paesi compresi quelli una volta più sviluppati e con una classe media in costante ascesa insieme con l’aristocrazia operaia e i tecnici altamente qualificati della scienza e della tecnologia più innovativa. La ricaduta dell’informatica e della robotica sull’organizzazione del lavori da un lato e i cambiamenti climatici dall’altro con il riscaldamento globale, con le inevitabili ricadute migratorie, frutto anche di guerre e sottosviluppo, creano fenomeni , che per essere governati richiedono una visione planetaria e poteri pubblici nazionali e sovranazionali democraticamente legittimati in grado di intervenire in modo coordinato e programmato. Invece ha vinto l’ideologia del meno stato e più mercato e la corsa individuale al successo personale. Rischiamo di essere schiacciati tra il disordine globale e planetario neo-capitalista e dalla logica dello sfruttamento e del profitto da un lato e dalla reazione nazionalista identitaria e egoista dall’altro entrambi nemici della sovranità popolare, che ha la sua massima espressione nella democrazia costituzionale e nei suoi istituti di democrazia rappresentativa e diretta.

Se in via generale si deve concordare con Rosa Luxemburg, già sostenitrice del comunismo consiliare, quando scrive “La democrazia è una necessità imprescindibile non perché renda superflua la conquista del potere politico da parte del proletariato, ma al contrario perché la fa necessaria e a un tempo ne rappresenta l’unica possibilità” questo è tanto più vero in Italia, perché bastano i primi tre articoli della Costituzione a unire la sua attuazione con un progetto di società, nella quale la Repubblica, vale a dire noi individui e popolo, istituzioni e poteri pubblici abbiamo il compito di rimuovere gli ostacoli di ordine​economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Non è il socialismo, ma va nella sua direzione e nella situazione attuale della sinistra in Italia e in Europa è quanto basta per lo sviluppo di un pensiero che abbia il socialismo come obiettivo unificante e tuttora attuale e ci ispiri nelle azioni e nei conflitti sociali, che dobbiamo con coerenza promuovere ed interpretare.

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.