Nono Forum dei Circoli Socialisti

Il GRUPPO DI VOLPEDO

rete dei circoli socialisti e libertari

del nord ovest d’Italia

invita

tutti i socialisti ovunque essi siano al

NONO FORUM

DEI CIRCOLI SOCIALISTI

VOLPEDO (AL)

Domenica, 9 ottobre 2016, dalle ore 9.30

PIAZZA QUARTO STATO

(in caso di maltempo la manifestazione si terrà presso la struttura del mercato coperto)

Programma

9,30 Inizio dei lavori

1. La Germania e l’Europa
La storia

Marco BRUNAZZI, Istituto Salvemini, Torino

L’avvenire

Gian Enrico RUSCONI, Professore Emerito UniTo

Valerio CASTRONOVO, Presidente Istituto Salvemini, Torino

Moderatore Andrea ERMANO, Direttore de L’Avvenire dei Lavoratori, Zurigo
Segue discussione aperta

Gian Enrico Rusconi

La Germania è stata una potente locomotiva di traino dell’Europeismo. Fino al cancellierato del socialdemocratico Helmut Schmidt (1918-2015) è prevalsa una politica che potremmo definire di una Germania Europeista. Successivamente, dopo la Caduta del Muro e in particolare in questi ultimi anni, la politica tedesca ha cambiato segno, assumendo i tratti di un tentativo di germanizzare l’Europa.

Gli atteggiamenti dei leader tedeschi si sono fatti sempre più scettici nei confronti dei partner europei e in particolare verso quelli del sud. Le scelte lassiste di molti paesi dell’Europa meridionale hanno accentuato questa propensione, e non aiuta la comprensione reciproca il reiterato tentativo di proseguire lungo strade dimostratesi perdenti, ma non aiuta neppure la politica di un Paese che pervicacemente rifiuta qualsiasi scelta che anche lontanamente ricordi le lezioni di Keynes, oggi più che mai utili per superare la crisi.

La paura di non essere compresi dal proprio elettorato nazionale, appropriatasi del Governo Merkel, blocca ogni prospettiva di avvio di politiche economiche sovranazionali, uccidendo la possibilità di creare un blocco pro euro stabile e favorendo in tal modo i movimenti euroscettici e populistici.

È sempre più urgente una presa d’atto da parte dei socialisti tedeschi ed europei che non si possono più ripetere gli errori d’inizio Novecento, e che è giunto ormai il tempo di avviare l’unico progetto politico-organizzativo in grado di battere conservatori e populisti: la costituzione di un nuovo PARTITO SOCIALISTA EUROPEO SOVRANAZIONALE. Noi del Gruppo di Volpedo lo diciamo ormai da otto anni.

12,45 La Fiumana 2016

13,00 Pranzo

15,00 Ripresa dei lavori

 

2. Dal Referendum alla Consulta passando per Volpedo

Interventi di:

Felice BESOSTRI, Presidente Gruppo di Volpedo

Carla NESPOLO, Vice-Presidente nazionale A.N.P.I.

Bobo CRAXI, Presidente Comitato Socialista per il NO

18.00 conclude i lavori

GianLuca CHIESA, Portavoce Gruppo di Volpedo

Nel pomeriggio di Volpedo 9 si discuteranno due questioni politiche di grande impatto sul futuro della Democrazia in Italia: 1) la nuova legge elettorale e 2) la revisione della Costituzione.

Il nono Forum dei Socialisti avrebbe dovuto collocarsi appena dopo la pronuncia della Corte Costituzionale sui ricorsi sulla legge elettorale presentati dal Presidente del Gruppo di Volpedo, Felice BESOSTRI. “Avrebbe dovuto”… se la Consulta non avesse rimandato il pronunciamento.

La speranza resta comunque che, dopo la precedente sentenza 1/2014, per la seconda volta il nostro Presidente veda riconosciuta la sua determinazione nel mettere in discussione una politica che da dieci anni disconosce il buon diritto di tutti gli elettori nel vedere rappresentato il proprio voto in rapporto alla formazione del Parlamento.

Felice Besostri

Il ballottaggio previsto dall’Italicum è un trucco atto a esonerare dal conseguimento della soglia che sola darebbe loro diritto a un premio di maggioranza. I capilista bloccati ripetono tutti i difetti del Porcellum, con l’effetto di un Parlamento che sarebbe composto da una Camera fatta per il 60% da “nominati” e un Senato che, nel “combinato disposto” tra legge elettorale e revisione costituzionale, si vedrebbe formato da membri a mezzo servizio. A quel punto, l’unica speranza di salvezza per la Democrazia sarà lasciata alla bontà democratica del Presidente del Consiglio.

I socialisti che stanno costituendo Comitati per il NO in tutta Italia continueranno a battersi per il ritorno a un sistema che riconosca piena rappresentatività a tutte le idee politiche, nel nome della Democrazia Costituzionale, da sempre tratto distintivo del socialismo.

 

Dov’è Volpedo

Dalle autostrade A21 Torino-Piacenza-Brescia e A7 Milano-Serravalle-Genova si esce al casello di Tortona. Usciti dallo svincolo, a metà del viadotto sulla ferrovia TO-GE, sulla destra c’è la deviazione per Volpedo, si gira verso Tortona, si supera lo Scrivia e, prima di entrare in città, si svolta a sinistra, di li in poi la strada è ben indicata da segnali turistici color marrone con la dicitura Volpedo o Val Curone. Superati gli abitati di Viguzzolo e Castellar Guidobono si giunge a Monleale, al semaforo si gira a sinistra, oltre il ponte sul Curone c’è il centro abitato di Volpedo.

Un grazie al Sindaco Giancarlo CALDONE e all’Amministrazione comunale per la disponibilità dimostrata, nonché a Riccardo BRERO e allo staff degli Orti di Alessandria per gli ottimi manicaretti che ogni anno allietano i nostri incontri.

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.