LA VITA NEL SECOLO DELLE GUERRE MONDIALI

di Manès Sperber* |

discorso di accettazione

Alfred Grosser ha preceduto il discorso del vincitore del premio per la pace con la seguente osservazione personale: “È un onore triste, grande, difficile stare qui a leggere il suo discorso al posto di Manès Sperbers. Ne sono pienamente consapevole, anche se farò del mio meglio – che non sarà come se fosse lì e avesse presentato lui stesso i suoi pensieri”.

Sono il secondo vincitore del Premio per la pace di Francoforte, sono un ebreo orientale per discendenza e

affinità, eppure sono uno scrittore con un legame dolorosamente inseparabile con la cultura tedesca. Il primo della mia specie è stato un ricercatore religioso chassidico, lo scrittore tedesco e professore universitario israeliano Martin Buber, morto otto anni fa a Gerusalemme. Il 2.7. Il 10 settembre 1953 Buber disse all’inizio del suo discorso su “La vera conversazione e la possibilità di pace” (cito l’essenziale):

“Un numero considerevole di tedeschi, per ordine del governo del Reich tedesco, ha ucciso milioni di ebrei in una procedura sistematicamente preparata… Loro (gli assassini) si sono rimossi dal regno umano in un modo così dimensionale che nemmeno l’odio potrebbe sorge in me. E cosa sono io che potrei presumere di perdonare qui!« (Finora Buber).

Nel 1963, rispondendo a un sondaggio del mio caro amico Hermann Kesten, scrissi tra l’altro quanto segue: Nella primavera del 1943 appresi da un testimone oculare cosa stava accadendo in Polonia; Un giovane mi raccontò quello che aveva visto in alcune città ebraiche della Polonia e quello che aveva vissuto a Treblinka… Mi fu chiaro che la Germania non avrebbe mai potuto essere più per me, quello che era stato per me fino all’età di 37 anni anni. era stato .. .”

Anche allora, in quell’ora terribile, non provai né odio né vendetta contro le persone i cui capi eletti consentivano a uomini, donne e bambini innocenti della mia tribù di essere umiliati e poi sterminati.

Nessun risentimento, nessun odio, quindi cosa mi separa dalla Germania?

«Un dolore così sconfinato che la vita di una generazione non è abbastanza lunga per esaurirla. Sì, nel profondo del mio cuore credo che per due o tre generazioni rimarrà indegno che gli ebrei della mia specie si identifichino con i tedeschi”.

Se non ti ricordassi tutto questo adesso, mi ritroverei in una situazione soggettivamente e oggettivamente sbagliata. In memoria di coloro che sono stati umiliati e assassinati, e mi considererò l’inconsolabile lutto fino alla fine della mia vita, devo ricordare a me stesso e a voi questo passato recente, questa certezza incomprensibile, indelebile.

Quando tornammo nella nostra cittadina sul Prut nei primi mesi del 1915 dal nostro secondo volo dall’invasione russa, ci accompagnò l’insegnante che avevamo portato da Vienna. Adesso si trattava di affrettarsi a recuperare il tempo perduto. Al mattino mi preparò per un ingresso mattiniero in una scuola viennese, cioè di lingua tedesca; ma la seconda metà della giornata era dedicata alla religione, alla Bibbia. Le prime ore del pomeriggio erano dedicate allo studio della rispettiva sezione settimanale della Torah, e nelle ore successive imparai a tradurre i libri di Isaia e Geremia in yiddish e tedesco. Isaia prima, il cui messaggio incessantemente esigente e insieme speranzoso mi preoccupa ancora oggi come non credente, e poi Geremia, la cui sofferenza nel suo stesso popolo mi ha fatto scoprire che l’amore può essere una fonte inesauribile di infelicità. Si lamentò: “Weñemar: Shalom, shalom! We-en Schalom! – La gente grida:
“Pace, pace, ma non è pace”.

Da quel primo inverno di guerra, questo lamento mi ha accompagnato come il ritornello ossessionante di una canzone che è rimasta un monito inutile per migliaia di anni.

Chiunque abbia vissuto quella guerra a fianco delle potenze centrali non dimenticherà mai il desiderio di pace che ha dominato tutti noi, civili e combattenti. Era come una dipendenza tirannica e insaziabile. E nel momento in cui, alla fine del secondo anno di guerra, ci rifugiammo nella città imperiale, nella nostra capitale Vienna, il desiderio di pace si diffuse anche nell’entroterra. Ci si aspettava che la sola pace risolvesse i problemi, che diventavano ogni giorno più pressanti. In quel periodo, all’età di undici anni, divenni un appassionato pacifista, mi imbattei in incontri proibiti, cantavo canzoni sfrenate a squarciagola e mi unii al coro dei manifestanti: “Mai più la guerra!

Mai più guerra!« – questo è stato ed è rimasto a lungo il nostro slogan.

Metto questa osservazione, che non è solo autobiografica, all’inizio del mio intervento perché nel corso delle mie osservazioni solleverò probabilmente dei dubbi sul mio pacifismo di oggi. Per molti anni ho sostituito le solite promesse di pace con la domanda: perché le esperienze di quegli anni non hanno potuto impedire che una seconda guerra mondiale, circa 20 anni dopo la prima guerra mondiale, provenisse dal nostro continente e alla fine travolse l’intero mondo con esso?

Sì, ho imparato a odiare la guerra da bambino e non ho mai smesso di odiarla. Tuttavia, considerando quegli anni così come la situazione attuale e le manifestazioni più aggressive dei pacifisti di oggi, non posso considerarmi uno di questi.

Signore e signori, adesso non parlerò di pace, ma di guerra. Siamo d’accordo; Non esiste una guerra buona, ma può esserci una pace buona, e più spesso cattiva, che ora è conosciuta come la “guerra fredda”. Nel 1795, Immanuel Kant, il maestro di tutti noi, nel suo saggio “Pace perpetua” fece il seguente postulato: “Nessun accordo di pace dovrebbe applicarsi a uno che è stato fatto con la riserva segreta di una guerra futura”. l’accordo di pace è il padre di ogni nuova guerra. D’altra parte, ovunque si creda nel Dio della Bibbia, c’è la nozione di “pace eterna”, che Isaia profetizzò come lo stato che sarebbe seguito “gli ultimi giorni”. Ebbene, né prima né dopo, cioè da 2500 anni, probabilmente c’era solo un anno sul pianeta senza una guerra, ma c’erano un bel po’ di armistizi che la gente amava chiamare pace. «Non c’è pace!» si lamentò giustamente Geremia. Si dovrebbe concludere da ciò che la guerra è la forma usuale e sempre ricorrente dei rapporti tra i popoli? Chi risponderebbe? . . .

Per essere perfettamente chiaro, sono fermamente contro tuttiGuerra, non importa quale convinzione o ideologia possano invocare gli aggressori. Per quanto conflittuale possa essere la pace che seguì la seconda guerra mondiale, si deve rifiutare qualsiasi tentativo di utilizzare la guerra per determinare un cambiamento nelle condizioni sorte principalmente perché gli stati liberi hanno dovuto fare i conti con uno stato totalitario doveva connettersi, che La folle guerra di aggressione di Hitler si era gettata nel loro campo. Dopo di che, l’Europa ha dovuto respingere i suoi confini. La Polonia, paese culturalmente occidentale, non è più europea; La Cecoslovacchia, all’epoca uno dei paesi democratici più avanzati dell’Europa centrale, non lo è più. Ungheria, Romania, Bulgaria non ci sono più. Tutti hanno perso la loro indipendenza nazionale.

A differenza del mio amico Raymond Aron, l’incorruttibile lucido cercatore di verità, filosofo, sociologo e pensatore politico che anni fa pubblicò un libro fondamentale su Pace e Guerra e successivamente un libro in due volumi su Clausewitz: Pensare alla guerra, parlo qui di guerra solo come contemporaneo attento e psicologo individuale e sociale che per molti anni si è interrogato sul perché i suoi contemporanei abbiano accettato una seconda guerra mondiale così facilmente, come se non avessero imparato nulla dalla prima. Da allora sono passato alla questione più ampia, quella del rapporto generale dell’uomo con la guerra, e ho cercato la risposta nei profeti ebrei, nei drammaturghi antichi, in Omero, Tucidide, negli storici greci e romani, negli autori cristiani di oggi e nei sociologi di guerra. Per migliaia di annimolte risposte, ma non la risposta che da sola renderebbe giustizia ai fatti. Quello che posso aggiungere come psicologo ovviamente non è affatto sufficiente. . .

Ecco un’intuizione che da anni mi preme addosso: riguarda il rapporto dell’uomo con la sua tirannica quotidianità, che percepisce come asservimento e come sventramento del suo essere. Cerca, consciamente o inconsciamente, di scappare. Sì, per migliaia di anni persone di ogni ceto sociale hanno cercato di sfuggire alla ricorrenza quotidiana della stessa cosa, non importa dove. Certamente si può cercare varietà, evasione e sotterfugio nelle esperienze intime, nell’amore e nell’amicizia, ma anche nei litigi intimi, ma solo la grande avventura, una moratoria generale della quotidianità,può portare a una rivoluzione completa nel modo di vivere e nell’ordine quotidiano che tutto regola. Enormi incendi, inondazioni, terremoti e altre catastrofi naturali e infine la calamità provocata dall’uomo, religiosa, ideologica, nazionale, sociale o altra giustificabile calamità: la guerra.

Nei primi giorni di guerra c’è nei paesi belligeranti uno stato d’animo assolutamente indescrivibile perché mescola strane euforie e paure primordiali sentimenti di liberazione personale e generale asservimento
No, onorevoli colleghi, ovviamente non credo che questa strana conseguenza psicologica dello scoppio della guerra e i tanti effetti collaterali che una guerra prolungata comporta, generino entusiasmo per la guerra. Tuttavia, resta innegabile che non sempre prevale il ragionevole rifiuto della guerra, anzi che sorgono stati d’animo bellicosi che non sono affatto sufficientemente giustificati in termini politici, religiosi o sociali.

Importanti scrittori che furono al fronte nella prima guerra mondiale hanno raccontato vividamente l’esperienza particolarmente intensa e seducente del cameratismo in tempo di guerra: Ernst Jiinger, Erich Maria Remarque, Ludwig Renn e tanti altri. I lettori sensibili dovevano avere l’impressione che loro stessi non avrebbero mai capito bene di cosa si trattasse veramente.

Ebbene, ognuno di noi sospetta che ci siano esperienze di cui si sa tutto senza poterne cogliere l’essenziale, purché non le abbia vissute lui stesso. Ad esempio: la maternità, la paternità, il lungo periodo di reclusione in una cella di isolamento, un lungo esilio – sì, tutto questo devi averlo vissuto tu stesso per capirlo. Pertanto, anche nel quadro bidimensionale della guerra, molto rimane invisibile all’esterno, il che ha costantemente un effetto collaterale sui soldati sopravvissuti. Tra l’altro, uno strano stato d’animo di esperienza – quello del risorto Lazzaro, sulla cui seconda vita alcuni poeti hanno riflettuto.

Molti di voi che mi ascoltano ora possono facilmente ricordare di essere fuggiti dal bombardamento aereo e del momento in cui sono emersi dai rifugi. Pensa allo stato d’animo stranamente euforico in cui iniziavi sempre a vivere quasi chiassosamente in mezzo alle macerie, come miracolosamente guarito da ogni terrore. Si tratta della strana sensazione di trionfo del giocatore che, dopo tante sconfitte, chiude la serata con una vittoria che nonsperava più.

Quali conclusioni dovremmo trarre da tutto questo? Signore e signori, ho confessato all’inizio che non avevo sviluppato alcuna teoria della guerra e che non potevo in alcun modo giustificare il motivo per cui, per migliaia di anni, i popoli si erano ripetutamente “lasciati condurre al macello”, per usare il frase. Ma non riesco a smettere di riflettere su queste cose, cercando una delucidazione della condizione umana negli aspetti inspiegabili, incompresi, contraddittori del comportamento umano .

Come secondo articolo definitivo , Immanuel Kant formulava »Sulla pace perpetua«: »Il diritto internazionale dovrebbe basarsi su un federalismo di stati liberi.« Questa frase contiene ciò che è essenziale oggi: i presupposti per una federazione di stati liberi .I popoli in Europa, che anche gli scettici e i pessimisti devono sembrare possibili e desiderabili, ora sono dati – ora che una guerra per la supremazia è diventata priva di senso, ora che una guerra in Europa sarebbe solo una guerra civile devastante per tutti. Sì, la guerra è diventata priva di significato se non lo è sempre stata. La prima guerra mondiale è stata l’avventura più folle dell’umanità. Ciò dimostra non solo il suo corso effettivo e l’enormità della perdita di sangue che ha inflitto in particolare alle nazioni europee, vincitrici e vinte allo stesso modo, ma anche il disordine distruttivo che ha lasciato sulla sua scia. Eppure, nonostante tutto.

. . Consideriamo tutti la guerra completamente inutile?

I pacifisti di solito parlano poco dell’esperienza della guerra, ma costantemente della follia distruttiva, dell’apocalisse in corso e dell’orrore delle armi nucleari. E chi potrebbe dubitare che le armi nucleari rappresentino la cosa più oltraggiosa che l’uomo abbia mai inventato per uccidere le persone e distruggere le loro case?

Quindi è abbastanza comprensibile che innumerevoli persone, uomini e donne, possano essere obbligate a firmare proteste contro le armi nucleari, a manifestare in incontri di massa contro di esse, ad avvertire i concittadini del pericolo di una guerra nucleare e ad autorizzare la produzione e il dispiegamento di missili impedire.

Onorevoli colleghi, il pacifismo non è affatto un fenomeno nuovo in Europa. Nel secolo scorso si sono tenuti congressi internazionali contro la guerra in quasi tutte le capitali del mondo. C’erano i più importanti intellettuali dell’epoca: ne citerò solo uno rimasto famoso in tutto il mondo: il poeta francese Victor Hugo. D’altra parte, è noto che lo spirito pacifista ha prevalso sia nei movimenti sindacali marxisti che in quelli anarchici di tutti i paesi.

Non è stato dimenticato che la Seconda Internazionale, capo riconosciuto dell’intero movimento operaio socialista, è stata la guida politica dei sindacati e di buona parte delle cooperative. Così, I partiti operai hanno protestato fino all’ultimo contro le politiche di guerra di tutti gli Stati. Folle enormi hanno manifestato contro la guerra nelle capitali europee. sulUomini e donne hanno marciato lungo le stesse strade pochi giorni dopo lo scoppio della guerra per esprimere il loro entusiasmo patriottico e per allietare i soldati in partenza per le frontiere.

Ma, come ho sottolineato all’inizio, non si tratta solo del potere distruttivo delle armi: ogni guerra riguarda l’omicidio legalizzato, persino ordinato, di persone innocenti, sia che tu le uccida con armi da taglio, a retrocarica o bullone- fucili d’azione, distrutti con cannoni o bombe, con armi a gas o nucleari. Si tratta di esplorare instancabilmente: perché, cosa per la guerra? Perché, perché appare tollerabile anche a quei contemporanei che da molti anni non smettono di avvertirla come la più terribile disgrazia.Chi, invece di pensare all’origine e alle cause del pericolo di guerra, riduce la sua appassionata protesta solo alle armi, anche se sono le più micidiali, evita, consciamente o inconsciamente, la ricerca della sede del fuoco e soccombe la tendenza, oggi diffusa, ad utilizzare i mezzi con il confondere obiettivi.

Sì, lo ripeto: sono contro ogni guerra, senza eccezioni. Ma lo so, lo sapevo anche nel decennio del Terzo Reich, che un regime totalitario si sente in pericolo finché non diffonde il suo potere illimitato sui suoi vicini immediati e indiretti – e un giorno sull’intero pianeta.

Negli anni ’30, Goebbels e le sue penne a inchiostro insultavano persone come me come guerrafondai ogni volta che mettevamo in guardia dal cedere alle richieste sempre crescenti di Hitler e dal rendere inevitabile la guerra capitolando alla fine. E ormai da decenni viviamo nell’era dei ricattatori pseudo-ideologici. Ma tutti dovrebbero sapere che i ricattatori chiedono di più e diventano tanto più minacciosi quanto più spesso cedi a loro.

Signore e signori, parlo qui, nel cuore di un continente le cui lotte interne hanno prodotto due guerre mondiali nell’arco di 25 anni. Come tanti di coloro che hanno ricevuto premi da voi dal 1951, mi preoccupo principalmente di questa parte del mondo, che è la nostra casa in un senso più che geografico. Se questo stesso è diventato innocuo, l’Europa resta oggi molto più in pericolo che mai. Sì, questa vecchia Europa non merita di affondare. Ha cessato di essere una potenza coloniale, non può più essere tentata dalla conquista: finalmente questo continente impazzito dalla guerra potrebbe diventare una potenza modello di pace. Tuttavia, un fatto rimane di inestimabile importanza: condivide il potente continente con un impero totalitario i cui governanti hanno considerato la loro dittatura in pericolo per così tanto tempo.

Questo è evidentemente nella natura del totalitarismo, la coazione a assoggettare il mondo intero a se stessi – tutto questo con abbellimenti ideologici che hanno indubbiamente perso il loro potere magico e pubblicitario nel corso degli anni, ma ora sono supportati in modo più efficace dalle sinistre minacce di armi nucleari . E che sia così lo dimostrano, senza volerlo, coloro che oggi marciano nelle capitali dei paesi democratici per protestare contro il fatto che in Europa si stanno installando difese contro i ricatti, contro la minaccia delle armi nucleari a destra tempo .

A questo proposito voglio ricordarvi urgentemente che per molti secoli tutti gli sforzi per unire i popoli europei in una federazione di stati sono falliti perché almeno due popoli – i tedeschi e i francesi – hanno combattuto più e più volte per la supremazia nel seminare discordia in Europa. Francia e Germania ora sanno che non potrebbero in alcun modo trovare la loro salvezza nell’egemonia nazionale sull’Europa. Oggi, le persone su entrambe le sponde del Reno sono convinte che un’Europa libera può essere salvata solo se tutti sono d’accordo.

Tuttavia, chiunque creda e voglia far credere alla gente che un’Europa disarmata, neutrale, capitolare può essere sicura della pace per tutti gli anni futuri si sbaglia e svia gli altri. Coloro che sostengono la resa al minaccioso impero che ha trasformato diversi stati europei in satelliti dalla seconda guerra mondiale si sbagliano e ingannano gli altri.

Per un europeo della mia generazione, ma anche per quelli nati dopo, non ci può essere dubbio che l’Europa può salvare se stessa e allo stesso tempo i suoi valori insuperabili se è unita in una federazione e, invece di essere un pomo di contesa tra due superpotenze, diventa essa stessa una grande potenza, né avida di conquista né vendicativa, ma solo del tutto determinata a scoraggiare, con le proprie adeguate difese, coloro che possono essere incoraggiati dalla sua debolezza e dal proprio egemonismo a impadronirsi dell’Europa.

Poiché io – come tanti altri – sono sempre stato propenso a criticare la nostra civiltà con implacabile severità, voglio oggi insistere ancora più forte sul fatto che l’Europa può salvarsi nonostante tutto, se non si lascia tentare di dare fino in un momento in cui il coraggio di essere umani e di dire la verità richiede il coraggio di affermarsi .

Qualunque sia l’andamento delle relazioni tra America e Russia, l’Europa non potrà restare fuori dai propri conflitti grazie all’indifesa masochistica, ma solo quando sarà diventata essa stessa una superpotenza, formidabile come quegli stati giganti. Questo è indicibilmente triste, ma inevitabile perché questo mondo rimarrà esposto al pericolo e all’esca del suicidio per diversi decenni a venire. Ma noi vecchi europei, che detestiamo la guerra, dobbiamo purtroppo diventare noi stessi pericolosi per mantenere la pace.

Ed ora due ultime osservazioni: la prima si riferisce all’ostilità verso l’America di molti europei, alla loro aggressiva ingratitudine, che è probabilmente la forma più vile di autoaffermazione individuale e nazionale.

Coloro per i quali la cultura europea è più di una richiesta quasi insopportabile; per coloro che sono profondamente legati alla ricchezza intellettuale dell’Europa, la differenza tra quell’antico continente e l’America di oggi, quell’antica colonia europea, rimane molto significativa. Non è certo una questione di valutazione o svalutazione, ma piuttosto una questione di identità. Né la Russia né l’America sarebbero diventate ciò che sono se l’Europa non le avesse servite per molti anni come modello, casa spirituale o deterrente.

Chiunque affermi che l’Europa è oggi minacciata dagli Stati Uniti d’America oltre che dall’impero sovietico è, a mio avviso, accecato da un’ingratitudine aggressiva. D’altra parte, è vero che l’Europa deve affidare la propria protezione solo alle proprie forze e non a nessuna superpotenza.

Hölderlin fa scrivere a Hyperion nella sua ultima lettera a Belarmin: «Le dissonanze del mondo sono come le liti degli amanti. La riconciliazione è in mezzo alla lotta, e tutto ciò che è separato si ritrova».

Metto questa parola alla fine di un discorso che parla molto di guerra e pericoli. E chiudo con un impegno assolutamente fuori moda per il futuro: Sono un vecchio rivoluzionario che è rimasto fedele alle speranze che dovevo seppellire. Sì, credo ancora che il mondo possa essere cambiato e sarà migliorato. A differenza di molti miei coetanei, sono convinto che la privazione di cui soffrono così tante persone ovunque, ma soprattutto in Asia, Africa e America, possa essere eliminata e che, grazie all’uso pacifico della fissione nucleare e della fusione nucleare, anche trasformerà il Sahara in un giardino fiorito e la regione orribilmente affamata del Sahel in una terra fertile di persone ben nutrite. Sì, credo nel messaggio del mio antenato: nella venuta della pace eterna, nella trasformazione delle spade in vomeri.

Questa non è la speranza di un credente o di un ideologo utopico, ma la fiducia di un ottimista post-purgatorio che, come tanti europei, ha passato il purgatorio e – per questo o nonostante ciò – resta determinato a non dimenticare nulla di quanto ha fatto ha dovuto vivere durante i lunghi anni di apprendistato e di viaggio.

Può darsi, signore e signori della giuria, che questo sia uno dei motivi per cui mi avete dato il vostro premio. Grazie mille per questo ea te, mio carissimo Siegfried Lenz, i miei più sentiti ringraziamenti, la mia vecchia amicizia che è in continua crescita.

Questo testo è protetto da copyright. La ristampa e qualsiasi altro tipo di duplicazione, totale o parziale, non

consentita dalla legge sul diritto d’autore sarà perseguita penalmente. Si prega di indirizzare le domande sull’uso dei discorsi o dei loro estratti a: m.schult@boev.de

*Manès Sperber – Premio per la pace del commercio librario tedesco

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.