ITALICUM, DISSENSO NEL PSI RISPETTO ALLE SCELTE DEI SUOI PARLAMENTARI

«Un gruppo di esponenti nazionali e locali del PSI (e tra questi Bobo Craxi, Sollazzo, Biscardini, Bartolomei, Labellarte, Besostri, Benzoni, Ciucchi e Cefisi) si sono incontrati nella sede nazionale del Partito per discutere del significato politico e delle conseguenze dell’approvazione dell’Italicum.

E così si sono espressi: “Con l’approvazione dell’Italicum da parte dei parlamentari socialisti il gruppo dirigente del partito si è assunto una pesante responsabilità. Ha consegnato, chiavi in mano e attraverso una legge con chiari elementi di incostituzionalità, la guida del paese ad un partito e a un leader portatori di una visone dell’economia, della società e delle istituzioni che non ha nulla a che fare con la cultura e gli ideali del socialismo democratico e riformista.

Per quan to ci riguarda – hanno dichiarato i presenti – intendiamo invece rimanervi fedeli, promuovendo la presentazione di una lista socialista alle prossime elezioni politiche e collocando questo obiettivo all’interno di un progetto più ampio di ricostruzione della sinistra democratica del paese. Apriamo così un processo lungo e difficile che deve contare sin dall’inizio sulla partecipazione attiva di tutti i socialisti e che vedrà momenti diversi di iniziativa politica. Primo fra tutti l’iniziativa giudiziale per il ricorso dell’Italicum alla corte Costituzionale.”

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.