Intervista su ResetRadio: Italicum peggio del Porcellum

reset2[youtube http://www.youtube.com/watch?v=eWoCgeTcjtM&w=700&h=315]

«Parliamoci chiaro l’Italicum se resta senza alternanza di genere obbligatoria, con liste bloccate per l’integralità dei posti e con l’utilizzo dei voti delle liste sotto soglia per premio di maggioranza o ammissione al ballottaggio, è incostituzionale quanto il Porcellum. Questo lo sanno tutti anche i costituzionalisti giullari di corte, che per essere nominati nella Consulta fanno finta di non accorgersene. Tuttavia con la teoria del margine di apprezzamento, che lascia una certa arbitrarietà di giudizio, i giudici della Corte Costituzionale potrebbero in futuro non essere vincolati dalla sentenza n. 1/2014. I primi 2 in scadenza Mazzella e Silvestri sono di nomina del Parlamento in seduta Comune. In considerazione degli elevati quorum queste votazioni si possono trascinare per lungo tempo, ameno che Berlusconi-Renzi per salvare il loro figliolo elettorale, Italicum, non si mettano d’accordo su 2 nomi. Però non è detto che uno dei 2 non sia qualcuno da promoveatur ut amoveatur, come la sen. Anna Finocchiaro, presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera Alta, che si vorrebbe sopprimere, e che si è espressa pubblicamente per l’incostituzionalità del parto bipartisan. Chi ha in mano più carte da giocare è il Presidente della Repubblica, che ne nomina due al posto di Cassese e Tesauro, l’estensore della sentenza n. 1/2014. Purtroppo, a differenza degli Stati Uniti i nominandi non sono sottoposti a alcun esame di idoneità, anci foralmente non esistono candidati, se non dopo la elezione o nomina. Gli accordi si fanno in segrete stanze e con traffico si influenze: una qualche ragione ci sarà per non sottoporsi alle regole della trasparenza. Eppure per Ruffini” la democrazia è il governo dei poteri visibili”: è! Anzi dovrebbe.

Felice Besostri, avvocato.

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.

Un pensiero riguardo “Intervista su ResetRadio: Italicum peggio del Porcellum

Lascia un commento