AUTOCONVOCATI PER L’OPPOSIZIONE: UN COMITATO PER LA DEMOCRAZIA REPUBBLICANA

«A Savona il collettivo militante savonese degli Autoconvocati per l’opposizione ha indetto una iniziativa pubblica il giorno 22 maggio, alle 20.30,presso la Sala chiamata del Porto, in piazza Rebagliati, per la costituzione del COMITATO PER LA DEMOCRAZIA REPUBBLICANA.

Come Autoconvocati ci rivolgiamo a quanti a sinistra, democratici ed antifascisti, vogliano contribuire alla nascita del COMITATO PER LA DEMOCRAZIA REPUBBLICANA, qui a Savona come in tutto il territorio nazionale: a singoli, associazioni, aggregazioni, che non vogliono arrendersi alla formazione di un regime autoritario attraverso la sostanziale e pericolosa limitazione della democrazia repubblicana. Il nostro invito riguarda anche quelle forze politiche, impegnate nell’agone elettorale per le regionali 2015, nell’auspicio che possano levare lo sguardo da una competizione che ogni giorno si rivela finalizzata ad una lotta del potere per il potere e che suscita indifferenza nei cittadini impegnati ogni giorno nelle difficoltà dell’impoverimento generale: anche queste forze politiche sono chiamate a riflettere sulla qualità della democrazia, sempre più in via di deperimento, e di contribuire attraverso il recupero di un effettivo radicamento sociale a costruire l’opposizione necessaria verso il tentativo di stravolgimento della democrazia repubblicana.

Sarà presente all’iniziativa di lancio della proposta della costituzione del COMITATO l’avvocato socialista Felice Carlo Besostri, noto giurista che, assieme ad altri, ha raggiunto l’obiettivo di far dichiarare alla Corte Costituzionale (sentenza 1/2014) l’incostituzionalità della legge elettorale Calderoli, nota col nome di Porcellum, e che, di fronte all’approvazione dell’Italicum, non si rassegna, assieme a molti altri come noi, ad accettare passivamente una legge limitatrice anch’essa delle libertà democratiche e stravolgente il modello di Repubblica parlamentare.

L’avvocato Felice Besostri illustrerà, nel corso della iniziativa, le ragioni politiche e giuridiche di contrasto all’Italicum per motivi di incostituzionalità. Su questo, primo tra molti temi che il Comitato potrà realizzare, è il caso ancora di ricordare come la legge elettorale rappresenti il cardine di qualunque sistema politico. Sistema su cui si possono determinare o meno quegli elementi di rappresentanza politica che è possibile esprimere in termini concreti col confronto democratico che oggi, però, risulta negato anche attraverso l’assegnazione di uno spropositato premio di maggioranza attribuito: dunque un contesto assolutamente privo di un bilanciamento dei poteri che lascia via libera al dominio di un Governo di assoluta minoranza.

ipotesi invito comitato-rep4

 

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.

Lascia un commento