Assemblea costituente per il Risorgimento del Socialismo

«Ora legale e domenica delle Palme non hanno impedito a circa 200 compagne e compagni di partecipare all’assemblea del Centro Congressi della Cgil. 5 relazioni una di seguito all’altra sono state sopportate meravigliosamente e chi si è iscritto a parlare è rimasto fino alle 17. I tempi dati sono stati complessivamente rispettati pertanto ci sono stati più interventi che all’ultimo Consiglio Nazionale del PSI. L’assemblea era contro il pensiero unico e quindi è stata dialettica. Chi ha sostenuto di puntare sul’iscrizione al PSI per conquistare la maggioranza, chi ritiene il PSI irrecuperabile: nel PSI né Turati, né Nenni e neppure Bettino Craxi allo Zenit hanno mai avuto maggioranze del 80%. Per me la cartina di Tornasole sarà il voto sulla Costituzione deformata e sull’Italikum. Che almeno non votino tutti i PSI in Parlamento. Ci fosse unanimità la mia partita nel PSI è finita. Altri hanno avuto attenzione alla Coalizione Sociale, ma nessuno che abbia prospettato un’adesione.Ho partecipato al corteo della FIOM del 28 marzo: una sola osservazione se il partito ipotetico, proiezione della coalizione sociale, raccogliesse TUTTI I VOTI della proiezione sociale dei Partecipanti al Corteo, andrebbe meglio di Arcobaleni, Tsipras. per non parlare di Rivoluzione Civile, potrebbe forse raggiungere i fasti degli apogei di Rifondazione, ma sarebbe minoranza alle elezioni. Di appartenenti ai ceti medi ne ho contati 9 me compreso dietro lo striscione di INIZIATIVA 21 Giugno: un campo aperto per la sinistra . Tra sinistre(?) al governo e sinistre alternative finché non spunterà una sinistra di alternativa di governo, non c’è speranza. Improvvisazioni nella gestione dell’assemblea ci sono state, ma più importante di quello che è stato, sarà cosa diventerà, gli sviluppi di quest’inizio. Si è evitato almeno formalmente di nominare organismi per quanto definiti provvisori o transitori a meno che a qualcuno non venga in mente di trasformare un comitato scientifico in un Politburo per quanto informale: la nomenklatura cerca sempre di di sopravivvere. Tutti parlano di nuove forma di organizzazione, strutture a rete, ma mettere il cappello piace troppo. E’ una tentazione inevitabile, anche per chi sia un sincero democratico. Tranne uno degli oratori le beghe tra i promotori sono state lasciate a casa.

Felice Besostri

VIDEO – Integrale

Servizio a cura di

logo

 

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.