ARRIVA L’EUROPELLUM

COMUNICATO STAMPA

Arriva l’EUROPELLUM, il Prof. Besostri (già killer di Porcellum e Italicum) presenta Ricorso contro la Soglia di Sbarramento delle Elezioni Europee. I piccoli movimenti, come il Partito Animalista e il Partito Comunista, hanno diritto ad un seggio dopo la Brexit .

E arrivò anche l’ora dell’Europellum, l’attacco cioè alla soglia di sbarramento del 4% prevista per le Elezioni Europee italiane. Nella giornata di ieri, un comitato di cittadini-elettori guidati dal Prof. Avv. Besostri ha presentato nei termini di legge ricorso al TAR Lazio (identificato con il Ruolo Generale n.ro 9699/2019) contro la proclamazione degli eletti e, nel merito, contro la parte di legge elettorale europea che prevede la soglia di sbarramento alle elezioni, contestando come i seggi che verranno assegnati dopo la Brexit, siano assegnati ai Partiti minori che ne hanno diritto, e cioè al Partito Animalista, Partito Comunista e + Europa.

LA STORIA: nel 2009 il Governo Berlusconi, a pochi mesi dalle elezioni europee, introdusse la soglia di sbarramento del 4%. Da allora i movimenti minori hanno trovato difficoltà a poter eleggere propri rappresentanti all’Europarlamento. Questo seppure in pochi Paesi, tra cui Italia e Francia, esista la soglia di sbarramento che dovrebbe essere obbligatoria solo nel 2024 in tutta Europa. Ciò mentre alle ultime Europee, in Germania 3 partiti tra lo 0.6 e 0.7 % hanno eletto ognuno un parlamentare europeo, applicando il principio europeo che dovrebbe portare la maggiore rappresentatività dei cittadini nell’Europarlamento.

La soglia di sbarramento viola i trattati europei in vigore e, ancora, viola la rappresentatività di cittadini e partiti europei. Parte quindi l’attacco all’Europellum da parte del Prof. Besostri e del suo “pool”. Dopo aver fatto dichiarare incostituzionali Porcellum e Italicum, anche la legge europea è quindi nel mirino. Singolare coincidenza che il ricorso sia stato iscritto proprio il giorno della nomina a premier di Boris Johnson, fautore dell’uscita del Regno Unito il 31 Ottobre. Difatti, in caso di accoglimento del ricorso, con i nuovi seggi dovuti dalla Brexit, il Partito Comunista ed il Partito Animalista Italiano entrerebbero nel Parlamento Europeo. Siamo solo all’inizio.

Di sicuro, dopo il Porcellum ed Italicum, da ieri è arrivato anche l’Europellum.

Partito Animalista Italiano

Ufficio Stampa

Contatti: 081.827.1482 – 800.985.174

Info Mobile Uff. Stampa Partito Animalista: 329.417.55.57 – 333.583.41.69

CONTATTO Ufficio Stampa Prof. Besostri (Monica): 340 8071544

Mail: partitoanimalista@gmail.com

Pagina Facebook Partito Animalista: https://www.facebook.com/partitoanimalistaitaliano/

SITO WEB: www.paritoanimalista.it e www.partitoanimalista.org

Felice Besostri

avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.