Ieri i Presidenti di Senato e Camera hanno ricevuto comitato del NO e giuristi anti Italicum

Comitato_NO

“Solo con una legge proporzionale il parlamento si può riscattare dal marchio di essere stato eletto con una legge elettorale incostituzionale. Ogni sistema elettorale hai i suoi difetti, anche il proporzionale, ma un parlamento peggiore di questo ed anche pericoloso per la democrazia difficilmente ci sarà: sono convinto che sarebbe meglio persino un parlamento estratto a sorte tra tutti i cittadini. Un parlamento eletto con la proporzionale, cioè rappresentativo degli elettori, è l’unico che possa scegliere un sistema elettorale non integralmente proporzionale. L’importante è che le leggi per Camera e Senato siano armoniche tra loro, anche se non uguali, che se ci sono preferenze si rispetti la parità di genere, che non deve esserci premio di maggioranza né per le liste, né per le coalizioni, escludere capilista bloccati. leggi con collegi uninominali devono comunque consentire che sia eletto il più votato almeno nel 40/50% dei collegi, nessuna soglia di accesso o uniformi a Camera e Senato. Sulla legge elettorale non inseguire la chimera di essere rieletto comunque, qualsiasi cosa Tu abbia fatto e con chiunque ti voglia candidare, compresa l’ipocrisia delle coalizioni.”

Felice Besostri

Renzi smentisce i renziani: no al provincellum

Dopo l’invito di Mattarella a fare presto, sulla legge elettorale la cornice c’è. Manca il quadro. Ieri la commissione affari costituzionali della camera ha stabilito i tempi della discussione. Nel rispetto della scadenza fissata dalla conferenza dei capigruppo: legge in aula il 29 maggio. Ma, passate appena 24 ore, quel termine non appare così tassativo. La presidente della camera Boldrini non vuole la replica del percorso a strappi dell’Italicum. È fondamentale che le forze politiche trovino un accordo, ha spiegato ieri ai rappresentanti del comitato del No al referendum costituzionale, se per chiudere ordinatamente i lavori la commissione avesse bisogno di un’altra settimana non sarebbe un dramma.

Ma siamo ancora lontani da questa eventualità. Proprio ieri sera Renzi si è occupato di demolire l’ipotesi che stava prendendo corpo nel lavoro del presidente della commissione, Mazziotti, che in veste di relatore dovrà presentare il testo base la prossima settimana. «Non facciano giochini – ha detto a Porta a Porta – hanno in testa il provincellum che è un sistema senza preferenze, che fa finta di avere i collegi ma poi non si sa chi passa». In effetti era quella l’ipotesi prevalente, da quando il – renzianissimo – capogruppo del Pd in commissione Fiano aveva aperto ai collegi uninominali anche a base proporzionale. Che era appunto il sistema in vigore per le province. Dove, in effetti, era assai probabile ma non certo che il vincitore in un collegio venisse poi eletto, perché il numero di seggi garantiti alla lista era calcolato su base proporzionale. Aggiungendoci adesso un premio di maggioranza, come da altro punto «centrale» della proposta Fiano, prevedere il risultato nella sfida uninominale sarebbe come vincere un terno al lotto.

L’apertura renziana era dunque una falsa apertura. Malgrado fosse arrivata dopo due mesi di richieste al Pd di togliere dal tavolo l’impossibile Mattarellum, cioè la proposta che ha determinato il blocco. L’accordo è tutto da cercare. E Renzi con un passo avanti e uno indietro – mentre accusa gli altri di fare «giochini» – non fa che ritardare la soluzione. Il tempo scorre e inerzia e convenienze spingono verso un esito minimale: ritocchi ai due sistemi ereditati dai fallimenti di Italicum e Porcellum, per avere alla camera soglie di sbarramento più alte del 3% e al senato più basse dell’8% (ipotesi comune 5%), doppia preferenza di genere. E basta, perché sul premio alla coalizione invece che alla lista Renzi non cede.

Sarebbe il minimo indispensabile per venire incontro all’avvertimento di Mattarella, che senza leggi «armonizzate» in grado di garantire «un esito chiaro» delle prossime elezioni non intende sciogliere anticipatamente le camere. Anche se dovrà farlo per forza di cose nella ormai non lontanissima scadenza naturale.

Ieri i presidenti di senato e camera hanno ricevuto comitato del no e giuristi anti Italicum (Villone, Besostri, Grandi, Gianni, Beschi, Adami, Falcone), cioè quelli che sono stati i protagonisti delle due vittorie che hanno smantellato il progetto di riforma istituzionale di Renzi: il referendum e il ricorso alla Consulta sulla legge elettorale. La loro proposta è semplice, ed è rappresentata da una petizione che ha già raccolto 30mila firme online e che sarà allegata ai testi in esame a Montecitorio. Si chiede di rispettare le scelte degli elettori, e dunque scrivere una legge elettorale costituzionale, proporzionale, senza premi di maggioranza e capilista bloccati. I comitati la faranno il 4 maggio anche ai partiti, chiedendo un impegno. Si aspetta la risposta dei 5 Stelle, che hanno appoggiato i ricorsi contro l’Italicum ma adesso con Di Maio propongono di allargare al senato quel che resta di quella legge. E dunque anche i capilista bloccati.

Andrea Fabozzi

Fonte: Il Manifesto

AGENZIE:

L. elettorale: Boldrini riceve ‘Comitato no’ e ‘contro Italicum’
208 parole
27 aprile 2017
21:40
Adnkronos – General News
GENNEW
Italiano
Copyright 2017 Adnkronos

Roma, 27 apr. (AdnKronos) – La presidente della Camera, Laura, Boldrini, ha ricevuto a Montecitorio i rappresentanti del ‘Comitato per il no nel referendum costituzionale’ e del Comitato ‘Contro l’Italicum’, che le hanno consegnato le quasi 30mila firme raccolte sotto la petizione ‘Restituire la sovranità agli elettori’. I promotori, si legge in una nota, “sollecitano una legge elettorale che “assicuri la piena rappresentatività del Parlamento” e ‘garantisca la possibilità per i cittadini di scegliersi i rappresentanti, oggi designati dai capi-partito”. Da qui le richieste, contenute nella petizione, di “rinunciare ad ogni forma di premio maggioritario, ai capilista bloccati, alle candidature multiple”.

Ai rappresentanti dei due Comitati (Alfiero Grandi, Pietro Adami, Mauro Beschi, Massimo Villone, Alfonso Gianni, Anna Falcone, Felice Besostri, Antonio Esposito) Boldrini ha “confermato il suo forte impegno per arrivare in tempi ravvicinati ad una nuova legge elettorale, come ha ribadito anche nella conferenza dei capigruppo che ieri, poche ore dopo la sollecitazione del presidente della Repubblica, ha provveduto a calendarizzare il provvedimento per l’ultima settimana di maggio”.

La petizione consegnata alla Boldrini, in base al regolamento della Camera, sarà esaminata dalla Commissione Affari costituzionali che potrà abbinarla ai progetti di legge in materia elettorale.

ADN Kronos S.p.A

 

Autore

Felice Besostri
avv. Felice C. Besostri Avvocato amministrativista, docente di Diritto Pubblico Comparato a.a. 2005/2009, Commissione Affari Costituzionali Senato della Repubblica XIII Legislatura, Assemblea Parlamentare Consiglio d’Europa 1997/2001 (Commissione Giuridica dei Diritti dell’Uomo, Commissione Ambiente, sottocommissione selezione dei giudici della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo), ricorrente contro ammissione dei referendum elettorali e la legge elettorale per il Parlamento europeo, interveniente nei giudizi contro la legge elettorale per il Parlamento nazionale. Presidente Rete Socialista – Socialismo Europeo.